Appello per Taraneh Alidoosti

Il Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani chiede l'immediata scarcerazione dell'attrice iraniana Taraneh Alidoosti.

Appello per Taraneh Alidoosti

Il Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani si aggiunge a quanti in questi giorni nel mondo condannano la violenza repressiva e la violazione dei diritti umani e civili del regime iraniano. Chiede l’immediata scarcerazione dell’attrice Taraneh Alidoosti, ma anche di Fahimeh Karimi, l’allenatrice di pallavolo arrestata a Pakdasht, e di tutti i manifestanti incarcerati perché colpevoli solo di cercare una vita migliore.

Il cinema iraniano è da tempo sotto attacco del regime degli ayatollah. Dopo Jafar Panahi e Mohammad Rasoulof, tocca ora all’attrice Taraneh Alidoosti, arrestata per un post sui social in cui aveva scritto: «Si chiamava Mohsen Shekari. Ogni organizzazione internazionale che sta guardando questo spargimento di sangue e non agisce è una vergogna per l’umanità».

Shekari è stato giustiziato il 9 dicembre dopo essere stato accusato da un tribunale iraniano di aver bloccato una strada a Teheran e aver attaccato un membro delle forze di sicurezza del Paese con un machete.

Asghar Farhadi ha lanciato un appello alla comunità internazionale per liberare Taraneh Alidoosti: «Ho lavorato con Taraneh in quattro film, ora lei è in prigione per il giusto sostegno che ha dato ai suoi connazionali e per l’opposizione alle ingiuste sentenze. Se sostenere chi protesta è un crimine, allora decine di milioni di iraniani sono criminali». Ieri, davanti al carcere di Evin, si è riunito un gruppo di cineasti e attori, tra cui Rana Azadivar, Mitra Hajjar, Manijeh Hekmat, Reza Kianian, Mojtaba Mirtahmasb, per chiedere il rilascio dell’attrice.

L’attrice, diretta nel 2016 da Asghar Farhadi nel film Il cliente, è stata arrestata in base alla recente modifica alla legge iraniana che prevede che chiunque abbia contatto con i media stranieri e diffonda notizie sui “disordini” sia chiamato dalle autorità a portare prove concrete di quanto dichiara, e in caso contrario sia processato per diffusione di notizie false e tutti i reati che ne derivano a cascata, come fomentare disordini.

In base a questa legge, anche Hengameh Ghaziani e Katayoun Riahi, altre due attrici famose in Iran, sono state arrestate dalle autorità per aver espresso solidarietà ai manifestanti sui social media. Sono state più tardi entrambe rilasciate.


di Redazione
Condividi

di Redazione
Condividi